Assistenze
Nascondi indice
STRALCIO ACCORDO FRA LE PARTI CONTRATTUALI DI COMO E DI LECCO DEL 27.10.1997 E SUCCESSIVE MODIFICHE

A decorrere dal 1" ottobre 1997 le assistenze diverse della Cassa Edile, ad eccezione dei soggiorni climatici per i figli dei lavoratori e dell'assistenza per le malattie sino a 6 giorni, saranno effettuate con le seguenti modalità:

a) per anzianità (riferimento APE) superiore a 8 anni e con media mensile di ore dichiarate alla Cassa Edile (comprese ore lavorate, festività previste dai C.C.N.L., malattia, infortunio, c.i.g., ferie, permessi retribuiti e riposi annui fruiti) pari o superiore a 160 ore mensili nel semestre precedente e secondo gli ultimi dati disponibili in Cassa Edile, le assistenze saranno erogate in base al 100% degli importi previsti dal regolamento;
b) nel caso di anzianità da 3 a 8 anni (riferimento APE) e con pari media mensile come al punto a), la percentuale di erogazione sarà pari al 90%;
c) la percentuale sarà ridotta all'80% nel caso di anzianità fino a 3 anni (riferimento APE) e con pari media mensile di ore dichiarate;
d) le percentuali di erogazione sopra indicate saranno ridotte rispettivamente: del 10, 15, 20 o 25% nel caso di una media mensile di ore dichiarate nel semestre precedente da 140 a 159 ore, da 120 a 139 ore, da 105 a 119 ore, fino a 104 ore.

Per il personale assunto a tempo parziale le modalità d'erogazione e le prestazioni saranno riproporzionate all'orario effettivamente prestato.

Torna all'indice
PREVENTIVO PER ASSISTENZE DIVERSE

(Accordo fra le parti contrattuali territoriali del 7 dicembre 2000 e accordi successivi). Il limite massimo di spesa per le Assistenze Diverse della Cassa Edile e con riferimento all'esercizio finanziario della Cassa stessa (1" Ottobre 2007-30 Settembre 2008 nonchè 1" Ottobre 2008-30 Settembre 2009), è stabilito in Euro 751.178,58.

Anche per gli esercizi finanziari successivi resterà provvisoriamente in vigore il suddetto limite di spesa, in attesa di possibili nuovi accordi fra le parti contrattuali.

Come di consueto, nel caso che sulle singole voci messe a preventivo, avvenissero superamenti nel corso dell'esercizio, il Comitato di Presidenza della Cassa Edile, informando le parti, provvederà alla compensazione, fatto salvo il mantenimento del limite massimo complessivo concordato.

Per ogni esercizio finanziario viene messo a disposizione del Comitato di Presidenza l'importo di Euro 37.558,93 pari a circa il 5% delle Assistenze, da utilizzare discrezionalmente per il riequilibrio di un eventuale superamento del tetto massimo di spesa con funzione di emergenza.

Trascorso ciascuno dei due anni l'eventuale importo residuo sarà trasformato in fondo di emergenza da sommarsi ad eventuali risparmi sul budget strutturale, con espressa indicazione in bilancio.

Torna all'indice
DIRITTO (Art. 1)

Il diritto di richiedere alla Cassa Edile di Como e di Lecco le sottoindicate assistenze è determinato dal possesso da parte del lavoratore dei seguenti requisiti:

a) aver maturato, anche in più circoscrizioni territoriali, almeno 600 ore nei sei mesi precedenti l'evento assistibile, con relativo accantonamento presso le competenti Casse Edili della percentuale per ferie e gratifica natalizia, in deroga a quanto previsto, non è richiesto alcun limite di contribuzione per domande di assistenze diverse presentate da o per conto di lavoratori, conseguenti a "infortunio sul lavoro";
b) risultare alle dipendenze di impresa iscritta, che sia in regola con la trasmissione delle denunce mensili, che abbia effettuato tutti i versamenti a suo carico entro i termini previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro, dagli accordi locali e dal regolamento amministrativo della Cassa Edile di Como e di Lecco e che non abbia in corso pendenze amministrative con la medesima.

Nel caso di perdurata inadempienza da parte dell'impresa, il lavoratore manterrà comunque, per un massimo di tre mesi, il diritto ad usufruire delle assistenze, purché risulti in essere il rapporto di lavoro, sia a tempo pieno che a orario ridotto o sospeso.

Torna all'indice

DECADENZA DAL DIRITTO ALLE ASSISTENZE (Art. 2)

Il lavoratore decade dal diritto alle prestazioni della Cassa Edile dopo tre mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro e, con effetto immediato, durante i periodi di astensione volontaria dal lavoro, nonché in caso di dimissioni.

In ogni caso il lavoratore perderà il diritto nell'ipotesi di rioccupazione in altri settori.

In caso di morte del lavoratore iscritto alla Cassa Edile di Como e di Lecco, per il quale risultano almeno 600 ore di accantonamento nei sei mesi precedenti l'evento, gli eredi (coniuge e figli a carico) possono richiedere le prestazioni previste a favore degli iscritti, purché alla data della richiesta non siano trascorsi più di sei mesi dal decesso.

Inoltre per i figli dei lavoratori deceduti saranno riconosciute, fino al sussistere dei requisiti richiesti, le seguenti prestazioni:

  • soggiorno climatico per i figli dei lavoratori (art. 9);
  • borse di studio (art. 10);
  • contributo per fini di studio (art. 11) per un massimo di tre anni.

Il termine di decadenza di cui al primo comma viene elevato a mesi 6 nel caso di lavoratori dipendenti di imprese soggette a procedura fallimentare.

MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE (Art. 3)

Le domande di assistenza, redatte sugli stampati predisposti dalla Cassa Edile e in distribuzione presso la stessa, le imprese e le organizzazioni sindacali di categoria, oppure scaricabili dal sito www.cassaedilecomo.it o www.cassaedilelecco.it, DEVONO ESSERE TRASMESSE - accompagnate da tutti i documenti richiesti - ENTRO E NON OLTRE I TERMINI STABILITI PER CIASCUNA VOCE ASSISTENZIALE A PENA DI DECADENZA.

Torna all'indice
CONCORSO PER CURE BALNEO TERMALI (Art. 6)

Al lavoratore iscritto è concesso un contributo giornaliero di Euro 18,00 per la durata massima di quindici giorni l'anno per cure balneo termali, purché si trovi nelle seguenti condizioni:

a) non sia ammesso alle cure termali a completo carico dell'INPS, INAIL o ASL;
b) abbia superato malattie o infortuni di particolare gravità e durata, oppure abbia subito interventi chirurgici rilevanti per cui è consigliabile la convalescenza in clima marino o montano.

Alla domanda, da inoltrarsi alla Cassa Edile entro novanta giorni dal termine della cura, deve necessariamente essere allegata la seguente documentazione:

1) certificato medico indicante la diagnosi e la necessità della cura;
2) dichiarazione del lavoratore attestante la mancata assistenza diretta da parte dell'INPS, dell'ASL o dell'INAIL. Il contributo è concesso a cura ultimata, previa presentazione della documentazione relativa alla spesa sostenuta. La prestazione potrà avere luogo per una sola volta all'anno.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
DONATORI DI SANGUE (Art. 7)

Al lavoratore iscritto che effettua donazioni di sangue gratuite presso i centri trasfusionali autorizzati dal Ministero della sanità, viene concesso un assegno di Euro 8,00 per donazione.

Il contributo è liquidato cumulativamente per tutte le donazioni, una volta all'anno.

La domanda deve essere inoltrata alla Cassa Edile entro il 30 giugno dell'anno successivo accompagnata, per ogni donazione, dall'attestazione del centro trasfusionale che ha ricevuto la donazione stessa.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
SUSSIDI STRAORDINARI (Art. 8)

La Cassa Edile di Como e di Lecco in casi eccezionali di particolari e comprovate situazioni di disagio economico e sanitario potrà intervenire a favore dei lavoratori iscritti e delle loro famiglie con un contributo straordinario "una tantum" nella misura che sarà di volta in volta valutata e deliberata dal Comitato di Gestione.

Il Comitato di Gestione potrà deliberare anche contributi in favore dei lavoratori iscritti (esclusi i loro familiari) per SPESE DI PROTESI, effettuate nell'arco dei dodici mesi precedenti la richiesta, regolarmente documentata da prescrizione medica e da fatture:

a) ODONTOTECNICHE: un contributo variabile per spese complessivamente superiori a Euro 258,00. Sulla fattura è obbligatoria l'indicazione del nominativo della persona curata; in alternativa è da ritenersi idonea una dichiarazione del lavoratore indicante che la prestazione è stata effettuata a favore della propria persona.

Le suddette protesi odontotecniche (escluse le cure) per l'anno 2010 saranno liquidate secondo la seguente tabella percentuale:

entro euro aliquota entro euro aliquota
516,00 40% 3.099,00 33%
775,00 40% 3.357,00 32%
1.033,00 40% 3.615,00 31%
1.291,00 40% 3.873,00 30%
1.549,00 39% 4.132,00 29%
1.808,00 38% 4.390,00 28%
2.066,00 37% 4.648,00 27%
2.324,00 36% 4.906,00 26%
2.582,00 35% 5.165,00
ed oltre
25%
2.841,00 34%

b) OCULISTICHE/ORTOPEDICHE ed ACUSTICHE: un contributo nella misura del 50% entro il limite massimo di Euro 775,00 per spese complessivamente superiori a Euro 77,00.

La domanda dovrà necessariamente essere corredata dalla seguente documentazione:

1) attestazione della situazione familiare;
2) fattura originale con l'indicazione del costo di ogni singola prestazione;
3) prescrizione medica (solo per protesi oculistiche/ortopediche ed acustiche).

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
SOGGIORNI CLIMATICI PER I FIGLI DEI LAVORATORI (Art. 9)

Il Comitato di Gestione decide di anno in anno, compatibilmente con l'andamento dell'esercizio, i criteri di massima per il soggiorno climatico dei figli od equiparati a carico dei lavoratori iscritti. Sono ammessi gratuitamente presso gli Enti convenzionati:

MINORI

a) turno estivo: età fra i 5 e 12 anni, per un massimo di 30 giorni, periodo di cura tra giugno e agosto;
b) turno marino invernale: età tra i 6 e 12 anni, soggiorno di tre mesi da gennaio ad aprile;

ADOLESCENTI

Intesi come tali ragazzi e ragazze in età tra i 13 e 16 anni, non compiuti all'atto della partenza, per i quali è previsto un programma di vacanze durante l'estate. Sono pure prese in considerazione richieste di soggiorno per soggetti handicappati o minorati, che dovranno essere inviati presso Enti specializzati a cura della famiglia mentre la Cassa Edile assicurerà il pagamento della spesa per un periodo massimo di trenta giorni direttamente all'Ente interessato. Al godimento delle citate prestazioni sono ammessi anche i figli di lavoratori deceduti; casi particolari saranno esaminati di volta in volta dal Comitato di Gestione.

La domanda deve essere inoltrata alla Cassa edile entro il 31 marzo corredata dai documenti richiesti.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
BORSE DI STUDIO (Art. 10)

Nell'intento di favorire negli studi i figli o equiparati a carico dei lavoratori iscritti, i lavoratori medesimi, nonché gli studenti frequentanti scuole di prima formazione edile (ESPE), la Cassa Edile bandisce ogni anno un concorso per il conferimento di borse di studio. Gli importi delle borse di studio sono così stabiliti:

a) studenti che hanno completato il corso triennale di prima formazione per operatore edile (ESPE) Euro 300,00;
b) studenti frequentanti istituti professionali statali o legalmente riconosciuti dallo Stato, Regioni o autorizzati dalla Regione, con durata minima di un biennio, Euro 280,00;
c) studenti frequentanti istituti tecnici (escluso gli edili), magistrali, licei, istituti d'arte, ecc. Euro 300,00;
d) studenti frequentanti istituti tecnici ad indirizzo edile (geometri e periti edili) Euro 350,00;
e) studenti frequentanti corsi di diploma universitario, scuole dirette a fini speciali, corsi di formazione professionale post diploma di scuola media superiore di durata non inferiore a due anni, il conservatorio di musica dal 6° anno Euro 400,00;
f) studenti universitari Euro 500,00 (nel caso di corso di laurea inerente il settore edile, l'importo è elevato a Euro 600,00).

La domanda deve essere inoltrata alla Cassa Edile entro il 31 ottobre corredata dei documenti richiesti.

Il Comitato di Gestione fisserà con apposito bando annuale, il numero, le modalità del concorso e di assegnazione dei premi.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
CONTRIBUTO PER FINI DI STUDIO (Art. 11)

Relativamente agli studenti che risultano a carico dei genitori e facenti parte di un nucleo familiare CON ALMENO DUE FIGLI DEDITI AGLI STUDI, i cui componenti, complessivamente, abbiano conseguito, per l'anno 2008, un reddito NON SUPERIORE A EURO 27.600,00 al lordo di eventuali oneri deducibili, SARÀ EROGATO, A TITOLO DI CONTRIBUTO PER FINI DI STUDIO, ALLO STUDENTE AVENTE TITOLO ALL'EROGAZIONE DI IMPORTO SUPERIORE, l'importo massimo di:

- Euro 120,00 se lo stesso frequenta il primo o il terzo anno della Scuola Media Inferiore, oppure Euro 70,00 se lo stesso frequenta il secondo anno della Scuola Media Inferiore;
- Euro 170,00 se lo stesso frequenta il primo o il terzo anno della Scuola Media Superiore, oppure Euro 98,00 se lo stesso frequenta il secondo anno della Scuola Media Superiore;
- Euro 270,00 se lo stesso frequenta il primo o il terzo anno dell'Università e corsi equiparati, oppure Euro 150,00 se lo stesso frequenta il secondo anno dell'Università e corsi equiparati.

L'onere massimo di spesa per la Cassa Edile verrà stabilito di anno in anno dalle parti contrattuali delle province di Como e Lecco. Nel caso di richieste eccedenti l'onere massimo di spesa stabilito dalle parti contrattuali, la graduatoria sarà fatta in base al reddito del nucleo familiare, considerando una detrazione di Euro 258,00 per ogni persona risultante a carico del lavoratore iscritto.

Le domande dovranno essere inoltrate entro il 31 gennaio.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
ASSEGNI FUNERARI (Art. 12)

In caso di decesso del lavoratore, che non abbia maturato analogo diritto previsto dall'APE, agli eredi (vedova o figli o genitori) viene corrisposto un assegno funerario di Euro 1.033,00. In mancanza di eredi diretti, l'assegno potrà essere corrisposto a chi dimostri di aver sostenuto le spese funerarie per il lavoratore defunto (gli Enti sono esclusi da questa prestazione). Al lavoratore iscritto, nell'ipotesi di morte della moglie o di figli con lui conviventi ed a carico viene concesso un contributo alle spese funerarie di Euro 620,00.

Alla domanda che deve essere inoltrata alla Cassa Edile entro novanta giorni dalla data del decesso, dovranno essere allegati i seguenti documenti:

1) certificato di morte (in carta libera);
2) attestazione della situazione familiare all'atto del decesso;
3) una dichiarazione del lavoratore attestante che il familiare deceduto era fiscalmente a suo carico;
4) documenti probatori di spesa sostenuta (documentazione da presentare esclusivamente per il decesso di un familiare, oppure qualora il richiedente la prestazione non sia un erede diretto del lavoratore deceduto).

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
RIMBORSO PER SPESE SANITARIE (Art. 13)

Al lavoratore, su domanda da inoltrarsi entro il 30 aprile dell'anno successivo, viene concesso un contributo sulle spese sanitarie relative ad accertamenti diagnostici, visite specialistiche, protesi dentarie (escluse quelle del lavoratore richiedente - vedi art. 8/a del Regolamento), cure dentarie nonché i tickets relativi alle suddette prestazioni, effettuate presso strutture pubbliche o private, per fatture o idonee documentazioni fiscali che nel loro complesso comportino una spesa per ogni nucleo familiare superiore a Euro 258,00.

Il contributo sarà pari al 40% della parte di spesa eccedente Euro 258,00, con un massimo di rimborso di Euro 258,00 per nucleo familiare.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
RIMBORSO PER LE SPESE DI FISIOTERAPIA (Art. 13/BIS)

Su domanda da inoltrarsi entro il 30 aprile dell'anno successivo, viene concesso un contributo sulle spese di fisioterapia, intendendosi per tali solo le cure (non rientrano quindi in questo articolo le visite fisioterapiche e gli accertamenti diagnostici fisioterapici che si collocano nelle spese sanitarie).

L'importo globale massimo di spesa per il totale delle domande è pari ad Euro 7.747,00 e pertanto la prestazione verrà erogata a consuntivo e pro-quota per le richieste che perverranno alla Cassa Edile entro il termine sopraccitato.

Si precisa inoltre che l'assistenza è da riferirsi solo ai lavoratori iscritti alla Cassa Edile - quindi senza estensione ai familiari - e che l'importo massimo è stato definito in Euro 516,00 per singolo lavoratore.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
CONTRIBUTO CASA (Art. 14) - Sintesi del bando per il biennio 2007/2008

Sono disponibili:

  • n° 94 contributi su mutui o finanziamenti per acquisto (od appalto) di abitazioni con priorità alle nuove abitazioni costruite da Imprese iscritte alla Cassa Edile di Como e di Lecco o da cooperative che abbiano affidato l'appalto dei lavori ad Imprese iscritte alla Cassa Edile di Como e di Lecco,
  • n° 20 contributi per acquisto da privati o altri casi d'acquisto non previsti nel punto precedente, nonché
  • n° 36 contributi su mutui o finanziamenti ciascuno per lavori di ristrutturazione effettuati da Imprese iscritte alla Cassa Edile su alloggi di proprietà dei richiedenti.

Gli immobili devono essere ubicati sul territorio italiano. La metà dei contributi disponibili verrà assegnata al termine del primo anno del biennio, l'altra metà al termine del secondo anno. Formata la graduatoria annuale, ove si verificassero richieste valide in numero eccedente per singolo contributo, le Organizzazioni territoriali dei datori di lavoro e dei lavoratori valuteranno la possibilità di eventuali diverse distribuzioni.

Qualora al termine del primo anno risultasse totalmente assegnata la metà dei contributi previsti per il biennio, le richieste valide eccedenti saranno automaticamente inserite nel secondo anno, collocate però in graduatoria dopo le domande valide di tale anno.

Qualora anche al termine del secondo anno risultasse totalmente assegnata la seconda metà dei contributi previsti per il biennio, le richieste valide eccedenti concorreranno automaticamente alla formazione della graduatoria del primo anno del biennio successivo, collocate però in graduatoria dopo le domande valide di tale anno e, così di seguito, fino ad avvenuto inserimento della richiesta in graduatoria.

Il tasso di interesse applicato ai mutui nei limiti di cui sopra sarà agevolato tramite l'intervento della Cassa Edile di Como e di Lecco alle seguenti condizioni:

  • per le nuove costruzioni e per acquisto da privati o altri casi d'acquisto: abbattimento in percentuale del 30% sui tassi mensili previsti dalla convenzione Cariplo - Centredil, sino ad un massimo di mutuo o finanziamento di Euro 30.987,00;
  • per le ristrutturazioni: abbattimento in percentuale del 20% sui tassi mensili previsti dalla convenzione Cariplo - Centredil, sino ad un importo massimo di mutuo o finanziamento di Euro 15.494,00;
  • per le nuove costruzioni e per acquisto da privati o altri casi di acquisto, in caso di esistenza di altri contributi o finanziamenti agevolati dallo Stato o altri enti pubblici: abbattimento in percentuale del 20% sui tassi mensili previsti dalla convenzione Cariplo - Centredil, sino ad un massimo di mutuo o finanziamento di Euro 30.987,00.

Il contributo in conto interessi nei limiti sopra fissati e con arrotondamenti allo 0,50 di punto superiore, verrà concesso una sola volta ed erogato per un massimo di 5 anni (anche in caso di richieste successive e relative a finanziamenti ulteriori), ed a condizione che venga accordato il mutuo dall'Istituto di Credito.

Nel caso di cessazione dell'iscrizione alla Cassa Edile il lavoratore perderà il diritto al contributo a partire dal mese stesso, salvo il caso di:

  • licenziamento per cessazione di attività dell'azienda, per riduzione di personale o fine cantiere limitatamente ai periodi di disoccupazione;
  • riconoscimento di inabilità od invalidità accertata dagli Istituti relativamente ai periodi di astensione dal lavoro.

In ogni caso il lavoratore perderà il diritto al contributo nell'ipotesi di rioccupazione in altri settori.

Sono escluse le costruzioni classificate di lusso.

Possono presentare domanda i lavoratori del settore edile in possesso dei seguenti requisiti:

  • siano dipendenti da Imprese iscritte alla Cassa Edile ed in regola con i versamenti contributivi;
  • siano stati iscritti nell'ultimo triennio, presso la Cassa Edile di Como e di Lecco, o che pur avendo almeno 3 anni di iscrizione alla Cassa Edile di Como e di Lecco, nell'ultimo triennio siano stati iscritti ad altra Cassa purché alle dipendenze di Impresa iscritta alla Cassa Edile di Como e di Lecco per l'intero ultimo triennio;
  • per le nuove costruzioni e per l'acquisto da privati e altri casi d'acquisto: non siano titolari del diritto di proprietà, di usufrutto, di uso o di abitazione in uno dei Comuni situati nella Regione di residenza di un alloggio adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare; i titolari di diritto di proprietà di immobili saranno ritenuti idonei se dichiarano di permutare o vendere la proprietà trasferendosi nell'immobile per cui viene richiesto il contributo, restando inteso che il contributo stesso potrà essere erogato dalla Cassa Edile quando sia stata perfezionata la vendita di entrambi gli immobili interessati;
  • non abbiano ottenuto l'assegnazione in proprietà o con patto di futura vendita di un alloggio costruito a totale carico dello Stato o di altri Enti Pubblici;
  • acquisti da cooperative: le richieste riguardanti l'acquisto di abitazione da cooperative verranno inserite nel bando con riferimento all'anno in cui è stato sottoscritto l'atto di assegnazione provvisoria con l'impegno all'accollo del mutuo. L'erogazione del contributo sarà tenuto in sospeso fino alla sottoscrizione dell'atto di assegnazione definitiva dell'alloggio che il richiedente dovrà debitamente documentare. Ad avvenuta acquisizione di tale documentazione la Cassa Edile erogherà il contributo a decorrere dalla prima rata iniziale pagata.

Le domande devono essere redatte su appositi moduli da ritirarsi presso la Cassa Edile.

Il termine ultimo per l'inoltro delle domande, corredate dai documenti, scade, per il primo anno del biennio, il 28 febbraio 2010.

Le domande inoltrate oltre i termini sopra indicati verranno tenute in sospeso e concorreranno alla formazione della graduatoria qualora non risultasse totalmente assegnata la metà dei contributi al termine del primo anno del biennio o l'altra metà al termine del secondo anno.

Nel caso risultassero totalmente assegnati i contributi del biennio, tali domande concorreranno alla formazione della graduatoria nel biennio successivo, secondo i criteri già indicati per le richieste pervenute in eccedenza.

Le domande devono essere presentate alla Cassa Edile, via A. Diaz n° 26, Como, oppure via Parini n° 33 a Lecco, che ne attesterà la ricezione correlate tassativamente dalla seguente documentazione:

  • atto di mutuo;
  • rogito nel caso di acquisto, o concessione edilizia e documentazione della spesa sostenuta in caso di ristrutturazione;
  • attestazione della situazione familiare (mediante autocertificazione);
  • quietanze di pagamento delle rate di mutuo;
  • mod. CUD o 730 o UNICO o dichiarazione ICI relativa all'anno di erogazione del mutuo e relativa ricevuta di presentazione;
  • in caso di attività lavorativa negli ultimi tre anni presso altra provincia: certificazione rilasciata dalla Cassa Edile interessata attestante i periodi di iscrizione presso la stessa.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice
PRESTAZIONE IN VIA SPERIMENTALE: ASSISTENZA PER LE MALATTIE SINO A 6 GIORNI

In via sperimentale, e con riserva di valutarne anche il positivo influsso sul settore, viene modificata l'attuale assistenza per le malattie sino a sei giorni.

In tale ipotesi, esclusivamente per un evento all'anno di gestione di Cassa Edile, ai lavoratori sarà erogata per i primi tre giorni di malattia una indennità in quota oraria come stabilito all'art. 1 delle "Prestazioni contrattuali di Cassa Edile" da calcolarsi con un coefficiente pari allo 0,500 (in precedenza 0,300), nell'ambito del preventivo di spesa previsto.

Torna all'indice
PREMIO FEDELTA’ SCUOLA-LAVORO

Allo studente che, terminato il corso triennale di prima formazione presso l’E.S.P.E., venga assunto alle dipendenze di un’Impresa regolarmente iscritta alla Cassa Edile di Como e Lecco, è concesso un premio pari a Euro 650,00 complessivi con erogazione di Euro 200,00 alla maturazione, anche in più circoscrizioni territoriali, di almeno 800 ore con relativo accantonamento presso le competenti Casse Edili della percentuale per ferie e gratifica natalizia, ed Euro 450,00 alla maturazione di ulteriori 1.600 ore senza alcuna interruzione di attività nel settore.

Le domande dovranno essere presentate entro i 90 giorni successivi alla maturazione della permanenza nel settore come sopra determinata corredate, esclusivamente per la prima domanda, dalla fotocopia della qualifica triennale.

Scarica il modulo in formato Pdf
Torna all'indice

Alcune prestazioni di assistenze diverse, che hanno natura retributiva, sono soggette ad IRPEF. Poiché la Cassa Edile riveste la qualifica di sostituto d'imposta, sull'importo della prestazione verrà effettuata una ritenuta a titolo d'acconto dell'IRPEF, certificata mediante l'apposita documentazione fiscale. L'eventuale conguaglio dovrà essere effettuato da parte dei singoli lavoratori come segue: tramite l'azienda, attraverso il conguaglio di fine anno, oppure con il MOD. 730 o con il MODELLO UNICO (ex 740).

Torna all'indice
PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE EDILI E AFFINI: FONDO PREVEDI

Le parti sociali dell'edilizia (imprenditori e organizzazioni sindacali) hanno dato vita ad un Fondo di previdenza complementare, chiamato PREVEDI, in grado di integrare il trattamento pensionistico pubblico; l'adesione al fondo è facoltativa.

La scheda di adesione, il materiale illustrativo e le informazioni possono essere fornite dalla Cassa Edile, dalle Organizzazioni Sindacali e anche dal Datore di lavoro.

Torna all'indice
EDILCARD

I lavoratori iscritti alla Cassa Edile hanno diritto:

  • All'invio della tessera e di due numeri del periodico Cassedili News
  • Al rimborso delle spese sanitarie, o dei relativi ticket, sostenuti in seguito ad un infortunio professionale o extraprofessionale per:
    • Accertamenti diagnostici
    • Accertamenti medico legali
    • Visite mediche e specialistiche
    • Onorari del chirurgo e di ogni altro componente l’equipe operatoria, diritti di sala operatoria, materiale di intervento
    • Apparecchi protesici o terapeutici applicati durante l’intervento chirurgico
    • Trasporto dell’assicurato in ambulanza all’Istituto di Cura o all’ambulatorio e viceversa
    • Cure mediche fisioterapiche e trattamenti fisioterapici rieducativi
    • Acquisto, noleggio o affitto di apparecchi terapeutici o di apparecchi protesici di qualsiasi tipo (escluse protesi dentarie)
    Per spese sanitarie rimborso massimo di €. 1.000,00 (€. 2.000,00 per gli iscritti a Prevedi) con franchigia di €. 30,00.
    Per prestazioni fornite da strutture sanitarie pubbliche: rimborso integrale ticket senza alcuna franchigia.
  • Ad un indennità in caso di ricovero ospedaliero a seguito di infortunio professionale di almeno 15 giorni, di 1.500,00 euro o, per gli iscritti al Prevedi, 3.000,00 euro
  • Ad un indennità in caso di ricovero ospedaliero a seguito di infortunio professionale di almeno 30 giorni, di 2.000,00 euro o, per gli iscritti al Prevedi, 4.000,00 euro
  • Ad un indennità in caso di grave invalidità permanente superiore al 50% a seguito di infortunio, di 5.000,00 euro elevata, per gli iscritti al Prevedi, a 10.000,00 euro
  • Alla copertura delle spese per riabilitazione neuromotoria a seguito di infortunio professionale:
    • Gratuità del trattamento e delle cure riabilitative presso istituto di cura convenzionato
    • Diaria dell’accompagnatore: €. 50,00 al giorno (max 90 gg.) se residente nella stessa regione ove si effettuano le cure riabilitative o gratuità totale vitto e alloggio se residente fuori regione
    • Spese di trasporto: rimborso forfettario €. 500,00 se residente nella stessa Regione ove si effettuano le cure riabilitative o €. 1.000,00 se residente fuori Regione
  • Alla corresponsione agli eredi nel caso di morte a seguito di infortunio professionale del lavoratore di un Assegno funerario di €. 1.500,00 (3.000,00 euro se iscritto a Prevedi).
  • Rimborso per spese odontoiatriche autorizzate, per gravi danni subiti dall’apparato dentale; a seguito infortunio professionale fino ad €. 7.500,00

Per maggiori informazioni e per richiedere le prestazioni Edilcard rivolgersi alla Cassa Edile di iscrizione.

Vai alla modulistica
Torna all'indice
Prestazioni aggiuntive riconosciute in favore degli apprendisti

Con effetto dal 1º gennaio 2009, i lavoratori apprendisti beneficiano, in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per eventi metereologici, del trattamento di Cassa Integrazione Guadagni (CIGO). Tale prestazione viene erogata dalla cassa edile per un massimo di 150 ore/anno di interruzione dell’attività lavorativa dovuta ai suddetti eventi ed è pari all’80% della retribuzione persa dall’apprendista per gli stessi eventi, nei limiti dei massimali di legge.

Condizioni per l’erogazione della prestazione sono:

Condizioni per l’erogazione della prestazione sono:

  • La sospensione o riduzione dell’attività lavorativa deve essere riferita ad un periodo non inferiore ad una giornata di lavoro.
  • L’iscrizione dell’apprendista, all’atto dell’evento, presso la Cassa Edile.
  • Aver debitamente esposto nella denuncia mensile dei lavoratori le ore c.i.g. dell’apprendista.
  • La regolarità dell’impresa con il versamento degli accantonamenti e delle contribuzioni alla stessa Cassa Edile all’atto di liquidazione della domanda di prestazione.
  • ale prestazione viene anticipata all’apprendista dall’impresa che ne chiede poi il rimborso, tramite apposita domanda alla stessa Cassa Edile.

La domanda per essere accolta deve pervenire alla Cassa Edile entro i 30 giorni successivi al rilascio, da parte dell’Inps, dell’autorizzazione all’intervento c.i.g. per eventi meteorologici per il cantiere in cui era occupato il personale apprendista.

Nell’ipotesi in cui l’impresa risulti avere alle dipendenze solo personale apprendista, la richiesta deve pervenire alla Cassa Edile entro il termine previsto per la presentazione della denuncia mensile dei lavoratori occupati (m.u.t.) relativa al periodo in cui si è verificato l’evento. In questo caso l’impresa dovrà corredare la domanda di presentazione di idonea documentazione comprovante l’avvenuto verificarsi dell’evento atmosferico nel cantiere interessato.

Torna all'indice
Accesso ad EdilConnect
Cassa Edile Como e Lecco • C.F. 80003670132 • PEC: